I migliori strumenti per ottenere prestiti per protestati

prestiti-protestati

I cattivi pagatori si potrebbero trovare in grosse difficoltà nel momento in cui vogliono richiedere un nuovo finanziamento, vista che la loro situazione potrebbe precludere particolari limitazioni.
Ecco come sfruttare alcuni strumenti per poter evitare di vedersi negati un finanziamento.

Le garanzie esterne

Un primo tipo di strumento molto utile, che potrà essere sfruttato da parte dei cattivi pagatori, risulta essere quello relativo alle garanzie esterne.
Questa strategia funziona in una maniera che risulta essere particolarmente semplice: sostanzialmente, chi deve chiedere un nuovo prestito ed è stato inserito nella classe dei cattivi pagatori, potrà offrire delle garanzie all’ente al quale ha deciso di inoltrare la sua domanda di finanziamento.
Esse sono rappresentante da altre persone che si accollano l’impegno di restituire la rata da pagare qualora, il richiedente, non dovesse essere in grado di svolgere tale operazione.
Si tratta quindi di un metodo molto semplice che potrà essere sfruttato senza errori per poter ottenere delle liquidità in maniera rapida e veloce, anche per prestiti per protestati senza cessione del quinto.

La cessione del quinto

Questo particolare strumento rappresenta una delle soluzioni maggiormente adatte che saranno in grado di offrire due risultati che non devono essere sottovalutati.
Il primo di essi consiste semplicemente nel poter ottenere quella somma di denaro che viene richiesta da parte del richiedente stesso.
Bisogna sottolineare come, solo in rarissimi casi, la cessione del quinto viene negata dal datore di lavoro.
Questo strumento consiste nel prelievo forzoso di una somma di denaro direttamente dallo stipendio del richiedente, il quale potrà quindi evitare il pagamento della rata recandosi in banca o alla posta coi bollettini. Continue Reading…

I veri numeri sul payout della Book of Ra nei bar ed online

bookofra-deluxe

La slot machine ″Book of Ra″ è considerata la diva del vasto e variegato universo dei giochi casinò on-line e delle tradizionali sale slot. Molti si interrogano sulle ragioni del successo del ″libro del Faraone″. Nonostante siano state evidenziate diversi elementi giustificativi come grafica, tema del gioco e dinamica di gioco sembra che il motivo predominante del successo sia connesso alle vincite. Anche se paradossale, tuttavia sembra che l’intera serie di slot ″Book of Ra″ sia molto richiesta dalla community dei giocatori slot perché si ha la percezione di ampi margini di vincita rispetto ad altre slot.

Premesse di metodo

Prima di entrare in merito alle ragioni del successo della slot ″Book of Ra″ appare opportuno fornire dei chiarimenti per una giusta chiave di interpretazione dell’intera discussione. Innanzitutto le nostre considerazioni sono valide solo per il gioco legale in quanto il mondo del gioco illecito si sottrae a schemi validi e trasparenti. Pertanto tutta la discussione sarà centrata sui casinò on-line e sale slot autorizzate AAMS, che è l’agenzia governativa preposta al controllo dei monopoli dello Stato. Inoltre non intendiamo pubblicizzare nessun provider di servizi bensì intendiamo proporre riflessioni sul quesito preso in esame fornendo una risposta razionale.

PRGN e l’approssimazione della casualità

L’AAMS impone, a tutti i provider di giochi da casinò, una serie di regole atte a creare un ambiente di gioco sano, ossia esente da trappole informatiche come truffe o frodi. Uno dei più importanti cardini attiene nel garantire la casualità dei giochi. Le slot machine, quindi, devono essere governate da dispositivi che, senza l’intervento umano, garantiscano la casualità delle combinazioni. La casualità è garantita con il ricorso a particolari algoritmi comunemente definiti PRNG (Pseudo Random Number Generator). Questi algoritmi determinano in modo autonomo le combinazioni sui rulli delle slot ed in modo analogo regolano i Bonus macchina. L’uomo non può alterare l’algoritmo che è monitorizzato on-line dall’Agenzia dei Monopoli (solo per i casinò AAMS).

Cosa determina la vincita?

Se l’algoritmo PRNG determina la combinazione vincente ″cosa o chi determina l’ammontare della vincita?″, ossia ″le combinazioni pregiate che tanto i giocatori amano?″. La risposta è molto semplice il Pay-Out. In pratica il Pay -out è una percentuale pre-impostata che, applicata al flusso di danaro giocato sulla macchina, determina la vincita. La normativa attuale impone un Pay-out del 75 %, tuttavia non è vincolante a rialzo e quindi alcuni provider impostano percentuali di pagamento più alte. Dire che una macchina ha una percentuale di pagamento del 75% significa dire che ad ogni 1000 € incassati la macchina elargisce 750 € di vincite. Attenzione però! Il Pay-out lavora sulle medie degli incassi e non sulla singola sezione quindi è plausibile che giocando sparuti euro se ne vincono migliaia e giocandone migliaia si rimane al verde (NON ACCANIRSI MAI).

 

Ragioni del successo delle vincite ″Book of Ra″

Appare chiaro che il ″Faraone″ è largo di manica e il suo margine di pagamento è più alto degli altri semplicemente perché il pay-out è regolato a percentuali maggiori del 75%. In passato, alcune slot della serie Book of RA DELUXE online erano calibrate al 98%. Tuttavia questo non è uno standard e possono esserci delle variazioni che sono sempre riportate nel menù slot. Inoltre esiste un altro elemento che incide sul numero di vincite, ossia la temporizzazione. Il pay-out opera sulle medie degli incassi in un arco temporale. L’arco temporale può essere un giorno, una settimana, un mese e così via. Appare chiaro che una slot tarata ad una settimana elargirà vincite maggiori rispetto alle slot tarate ad un mese. Se, invece, è tarata alle 24 ore, ed è il caso del bel ″Libro″ allora la slot non farà altro che squillare le trombe ed elargire ricchi premi.
Appare chiaro che nonostante tutte le slot legali rispondano alle normative vincenti alcune impostazioni, a favore del player, determinano la grande popolarità di un gioco rispetto ad altri.

Le opportunità del web per le imprese italiane

realizzare-sito-online

Il web, alle imprese italiane, offre tantissime opportunità che risultano essere abbastanza semplici e piacevoli da sfruttare.
Ecco alcune che potranno essere usate senza complicazioni.

I servizi di pubblicità

La prima opportunità che viene proposta dal web, rivolta direttamente alle aziende italiane, risulta essere quella che consiste nel servizio di pubblicità online.
Esso sarà abbastanza piacevole da sfruttare visto che, un’azienda, potrà riuscire a farsi conoscere, in lassi di tempo veramente brevi, senza dover dire addio a parti elevate del proprio patrimonio, cosa che deve essere assolutamente evitata.
Bisogna quindi mettere in risalto che, come tipologia di servizio, la pubblicità online rappresenta un tipo di strumento che non deve mai essere sottovalutato, in quanto possiede quel particolare potere che riesce a far conoscere, in tempi veramente rapidi, l’azienda al resto della popolazione che si trova presente sul web. Ovviamente però alla base di questo c’è per forza la realizzazione siti web milano.

L’opportunità dei social network

Altro mezzo, stavolta completamente gratuito, risulta essere quello relativo ai social network.
Le imprese italiane potranno essere in grado di sfruttare, nel migliore dei modi, questo particolare ambito in lassi di tempo che sono effettivamente brevi e che garantiscono, ad una persona, il raggiungimento di un obiettivo semplice come quello di farsi conoscere e creare un rapporto di fedeltà incredibile coi propri clienti.
Bisogna quindi essere in grado di cogliere tale tipologia di possibilità che solo il web riesce a garantire coi social network, strumento che risulta essere tanto semplice da sfruttare quanto immediato e soprattutto gratuito.
Coi vari profili, presenti nei siti web social, un’impresa italiana potrà espandere, in maniera completa, i proprio orizzonti senza dover ricorrere a delle strategie che possono essere reputate come devastanti e ricche di aspetti negativi per il futuro dell’azienda stessa.
Inoltre, parlando di analisi, il web offre anche la concreta opportunità di poter svolgere delle particolari analisi, relative al web ed al proprio sito, che saranno in grado di far nascere delle ottime conseguenze che riguarderanno proprio quella determinata tipologia di azienda.

L’opportunità del web grazie alle partnership

Inoltre, il web permette di allacciare diverse tipologie di collaborazioni tra le varie aziende, cosa che non deve essere assolutamente sottovalutata.
Collaborare con altre aziende rappresenta, in alcune occasioni, il motore vero e proprio che riesce a far girare, in maniera perfetta, l’economia di quella particolare impresa e soprattutto riuscirà a migliorarla sotto ogni punto di vista.
Da aggiungere anche la presenza dei vari enti finanziari che, grazie al web, erogano fondi che possono essere ottenuti in meno di ventiquattro ore, grazie a dei rapidi controlli piacevoli da affrontare.

Esse sono alcune delle tante e differenti opportunità che, il web, riesce ad offrire ad un’impresa italiana, la quale non deve attendere troppo tempo prima di poterle cogliere, visto che le diretta avversarie potrebbero fare lo stesso e prendere il posto di chi pensava di sfruttare il web per ottenere dei profitti.

Come fare soldi con il Forex? Eccolo spiegato..

guadagnare col forex

Le connessioni a banda larga hanno aperto la strada ad alcune tipologie di investimenti, quali il trading online ed il Forex. Tuttavia, guadagnare attraverso il Forex non è semplice e va considerato un lavoro a tutti gli effetti, che non è il caso di cominciare senza un bagaglio di conoscenze adeguato.

Cos’è il Forex?

Il Forex è il mercato delle valute, nel quale vige il rapporto di valore esistente fra una valuta e l’altra e la possibilità che ognuna di queste possa apprezzarsi o deprezzarsi rispetto alle altre. Ne consegue che se si è deciso di puntare sul dollaro rapportato all’euro, bisognerà necessariamente sperare che il dollaro guadagni di valutazione rispetto all’euro e, di conseguenza, che l’euro perda di valore. Quando si ha a che fare con il Forex è possibile adottare due diverse strategie d’azione: puntare sul mercato rialzista o su quello ribassista, per un 50% complessivo di possibilità di successo. Naturalmente, per investire correttamente nel Forex non basterà tentare la fortuna, ma diverrà necessario coltivare delle conoscenze economiche e politiche che possano avere un impatto sull’andamento della valuta in questione.

L’analisi economica

Per avere maggiori probabilità a favore di guadagnare con il Forex, diventa fondamentale fare propri alcuni elementi che stanno alla base della materia economica. L’analisi tecnica rappresenta lo studio dei trend dei mercati finanziari, ovvero l’andamento dei prezzi dei mercati nel corso del tempo. Questo tipo di approccio è fondamentale per comprenderne l’andamento futuro, le oscillazioni, le tendenze. L’analisi dei mercati va associata alla cosiddetta analisi fondamentale, che rappresenta lo strumento principale in possesso di un investitore nel supportare il proprio investimento. L’analisi fondamentale stabilisce il prezzo più corretto di un titolo o, come nel caso del Forex, di una valuta, in relazione alle peculiarità economiche e finanziarie proprie della società o della nazione a cui appartiene.

Anticipare le fluttuazioni del mercato

Quando si investe in borsa o nel Forex bisogna adottare tutte le misure di protezione del caso ed anticipare i propri errori. Nel Forex, un elemento fondamentale che bisogna sempre aver ben presente riguarda la psicologia e con essa l’avidità connaturata nell’essere umano. Fissare preventivamente dei livelli automatici di uscita, serve ad evitare perdite che possono rivelarsi anche piuttosto ingenti, malgrado soltanto pochi minuti prima si era in attivo. Ciò accade perché quando si vedono i propri profitti aumentare esponenzialmente si vorrebbe farli correre ancor di più, ma ciò spesso diventa impossibile, soprattutto se si considera la natura estremamente volatile e mutevole del Forex.

Le commissioni e la leva

Per scoprire come guadagnare soldi in più è importante cercare il gestore che offre le commissioni più basse per ogni movimento eseguito. Sarebbe opportuno anche evitare di compiere troppi micro-movimenti, poiché i guadagni troppo piccoli potrebbero essere letteralmente mangiati dalle relative commissioni. Uno dei vantaggi del Forex è rappresentato dalle leve finanziarie, che consistono nella possibilità di fare leva sui propri soldi fino a raggiungere un rapporto di 1 a 1000. Ovviamente, le leve amplificano sia i guadagni che le perdite, ma concedono, in caso di perdite ingenti, di disinvestire in automatico e limitare i danni.

Da Spotify la playlist perfetta per il parto

Spotify parto

Il dottor Jacques Moritz ha ideato e testato una playlist per il parto – La musica occupa una parte importantissima della vita di ogni uomo perché essa stessa è espressione di vita e così un ginecologo newyorchese ha pensato bene di ideare una playlist ideale da ascoltare durante il parto. I brani selezionati? Si va da Under Pressure di David Bowie e dei Queen, fino a Just Breathe dei Pearl Jam, passando ovviamente per Don’t Panic dei Coldplay. Pensata da Jacques Moritz, ginecologo ed ostetrico di New York, e messa in pratica da Spotify, la lista dei brani contiene titoli dal significato inequivocabile: lasciati andare, respira, niente panico e così via, fino alla redazione di un decalogo perfetto di comportamenti dedicato alle donne in dolce attesa. L’idea sembrerebbe nata proprio dal fatto che la maggior parte delle donne in attesa creano da sé la propria lista di brani preferiti per affrontare il travaglio.

Ma secondo quale criterio è stata organizzata la playlist?

SpotifyLa lista dei brani ordita da Spotify è stata organizzata in modo da riflettere quanto più possibile l’esperienza stessa del parto. Ad un inizio più lento e cadenzato si contrappone un seguito dai ritmi più incalzanti ideale per il momento delle spinte. E non è tutto: è stato progettato anche un gran finale che prevede la Suite per Violoncello Solo numero 1 di Bach, eseguita dal grande violoncellista cinese Yo-Yo Ma. Quest’ultimo brano è stato pensato per coronare l’esperienza e per suggellare al meglio il momento durante il quale la mamma stringe per la prima volta il proprio bambino. Il dottor Moritz ha spiegato quanto la musica riesca ad influenzare il nostro sistema nervoso, incaricato di gestire le emozioni, i ricordi e la maniera attraverso cui siamo soliti affrontare le paure ed il dolore. L’opportunità di usare la musica durante il travaglio come mezzo per trovare forza e conforto non è soltanto un gesto sensato, ma è una delle cose più naturali possibili. È necessario, inoltre, tenere a mente quanto un ospedale possa essere rumoroso e fastidioso ed una buona playlist non può far altro che rendere idonea l’atmosfera di raccoglimento interiore della partoriente, che può vivere un’esperienza migliore e può focalizzarsi su sé stessa e sulla propria creatura.

La durata perfetta della playlist

La durata del travaglio può essere anche molto lunga, ragion per cui una playlist che accompagni la donna lungo tutta l’esperienza deve essere altrettanto estesa. Il dottor Moritz sostiene che una playlist ideale dovrebbe durare almeno cinque ore ed annoverare tanti brani ed artisti differenti. Tutte le canzoni selezionate, inoltre, devono essere non soltanto belle e coinvolgenti ma devono avere il potere di far sentire la donna interessata altrettanto importante. Un momento così ricco di emozioni deve essere suggellato da una lista di brani altrettanto memorabile ed in grado di iscrivere la giornata fra i ricordi più belli di tutta la vita. Inoltre, alcuni studi recenti hanno messo in evidenza la possibilità che il feto riesca a sentire e ricordare la musica ascoltata dalla mamma.

Cosa significa la “i” di iPhone, iMac e iPad

iPhone, iMac, iPad: questi prodotti hanno in comune due elementi, ovvero essere prodotti dalla Apple ed avere davanti, prima del loro nome riportato con la lettera maiuscola, la vocale I, scritta rigorosamente in minuscolo.

Si tratta di una semplice lettera che, in molte persone, potrebbe aver suscitato diverse curiosità: per cosa si intende questa semplice vocale presente prima del nome?
Per molte persone potrebbe essere vista come una semplice vocale, posta per identificare i prodotti realizzati dall’azienda del defunto Steve Jobs.
Per altri invece, potrebbe essere un’idea commerciale, che rende il prodotto unico: in entrambi i casi però, le due risposte, così come tantissime altre, potrebbero essere esatte in parte, ma la definizione che deve essere data alla lettera I di ogni singolo prodotto ha un significato ben specifico, che risulta essere abbastanza diverso dalle risposte che potrebbero essere date a questo particolare quesito.

Una I dai tanti significati

iPhone iMac iPadInizialmente Steve Jobs, ovvero il fondatore della Apple, decise di creare solo ed esclusivamente dei computer: egli decise di chiamare Mac la sua creazione, aggiungendo quella I tanto curiosa tanto inosservata.

Solo recentemente infatti, le persone si sono domandate il perché di quest’idea: la I del primo iMac stava per internet.
Il nome completo del computer è internet Macintosh, ovvero un computer in grado di sfruttare il web, seppur questo mondo venne appena creato: era infatti il 1998 quando internet e l’iMac venivano realizzati.

Quella I assunse, nel corso degli anni, tantissimi altri significati, che vennero spiegati con grande attenzione da Jobs durante una delle sue lunghe interviste.
Tale lettera rappresenta il vocabolo intelligente, visto che i vari prodotti Apple risultano essere dotati di tantissime funzioni definite appunto intelligenti.
Ispirazione, visto che essi sono in grado di far aprire la mente ad una persona, ma anche agli addetti della ditta Apple, sempre alla ricerca di nuove tecnologie da aggiungere ai vari prodotti.

Istruire, individuale ed informare sono gli altri tre significati che vennero aggiunti a questa particolare lettera, la quale distingue i prodotti che vengono realizzati da parte della ditta di Steve Jobs, ovvero la Apple.

Una I che scompare

Apple WatchLa I però non ha mai assunto il significato di Invisibile, seppur oggi questo termine calzi a pennello con tale definizione: la suddetta vocale, che per anni ha suscitato la curiosità delle persone, sta piano piano venendo rimossa dai vari prodotti della Apple.
Ad esempio, l’orologio e il televisore intelligente, entrambi targati Apple, sono privi della I di fronte al loro nome: essi sono infatti chiamati Apple TV e Apple Watch, e non iWatch oppure iTV.

Potrebbe essere il segnale che, la scomparsa di Jobs, abbia chiuso un’era che sembrava destinata ad essere infinita, visto che la I fu una sua invenzione.
I prossimo modelli di telefoni ed altri dispositivi mobili saranno sicuramente in grado di offrire la risposta adatta a questo tipo di quesito, che potrebbe rimanere aperto per tanti anni.

I migliori gadget tecnologici del 2016

droneBasta darsi un’occhiata intorno in questi primi mesi dell’anno per capire quali sono i migliori gadget tecnologici del 2016, quelli che spopoleranno di più nel futuro prossimo. Impossibile non partire dai droni, oramai un gadget sulla bocca di tutti e che in tanti vorrebbero avere; il punto forte dei droni è la versatilità, dato che possono essere impiegati per scopi molto diversi. Le grandi aziende potrebbero usarli, in futuro, per spedizioni immediate a brevi distanze, intanto film-maker e appassionati di fotografia con una certa esperienza in ambito tecnologico li utilizzano per suggestivi scatti e riprese dall’alto.

Per tale motivo, nel giro di non molto tempo, saranno necessarie nuove normative perché i nostri cieli potrebbero ritrovarsi popolati di questi droni (impiegati anche in ambito sportivo, vedi allenatori di calcio che li adoperano per filmare dall’alto i movimenti delle loro squadre nel corso degli allenamenti). L’hoverboard potrebbe essere il mezzo di trasporto del futuro: ecologico e semplice da utilizzare per spostarsi in tutta comodità rinunciando all’automobile.

hoverboardAl momento, gli hoverboard sono dei “giocattoli”, anche piuttosto pericolosi a giudicare dal filmato che Mike Tyson ha diffuso in rete nel periodo di Natale: il celebre ex pugile viene immortalato mentre si sposta con l’hoverboard della figlia, ma la sua dimestichezza è scarsa e la caduta sulla schiena piuttosto rovinosa. Un gadget senza dubbio futuribile, ma che necessita di una certa pratica per poter essere utilizzato senza rischi. Il costo al momento si aggira fra i 400 ed i 1000 euro. L’auto che si guida da sola sembra il frutto di una tecnologia fantascientifica, ma in realtà è molto più vicina di quanto sembri.

La prima vettura completamente autonoma dovrebbe fare la sua comparsa soltanto fra quattro anni, intanto però le automobili stanno diventando sempre più indipendenti e il 2016 sarà da questo punto di vista l’anno del non-ritorno, il punto di svolta cruciale verso un futuro di vetture che faranno tutto da sole. Ad aprile è previsto il debutto della Tesla Model 3, primo importante passo verso le auto che non avranno bisogno di nessuno al volante. La stampa 3D è un altro settore nel quale le aspettative sono molto elevate.

stampa 3DNel 2016 potremmo assistere ad un importante sviluppo della stampa 3D che coinvolgerà il settore sanitario, il quale farà da apripista a quanto vedremo nei due-tre anni successivi, in cui la stampa 3D assumerà sempre maggiore rilevanza. Si stima, infatti, che entro il 2019 più del 10% della popolazione mondiale utilizzerà oggetti stampati con la tecnologia 3D. Che il futuro di film e serie tv sia lo streaming, appare chiaro ormai da diverso tempo e nel 2015 un’importante conferma è giunta dai dati della fruizione dello streaming, il cui ricavo ha superato i download.

Già a partire dal 2016, dunque, la visione di contenuti sarà sempre più orientata sullo streaming, come dimostra lo sbarco di Netflix in Italia e l’arrivo di Apple Music, creata per contrastare Spotify. Dagli Stati Uniti, inoltre, arriva la svolta: T-Mobile ha infatti deciso di non considerare nel traffico dati delle tariffe lo streaming, contribuendo in tal modo alla sua diffusione anche mobile. Capitolo device indossabili: da anni se ne parla, ma finora sembrano rimasti un po’ al palo. Nel 2016, però, la tecnologia indossabile dovrebbe subire una decisa accelerata grazie ad Apple, che farà debuttare una nuova versione del suo Apple Watch, più indipendente dal telefono rispetto alla precedente. Varie aziende stanno investendo non poco in questo tipo di tecnologia e il 2016 potrebbe rappresentare la svolta per i wearable device.